Mercoledì 1 luglio 1981

CRONACA DI BOLOGNA

 

DA UNA DISCARICA DI RIFIUTI AD UN CENTRO SPORTIVO MODELLO

 

LA NASCITA DEL CENTRO SPORTIVO

Si potrebbe iniziare dicendo, C'era una volta un terreno con una voragine profonda 12 metri.  Ma dato che questa non è una favola preferiamo un altro inizio. Il Centro Sportivo Pontelungo di Via Agucchi 121 è sorto sulla ex "PIAZZA D'ARMI", vecchia area per le manovre militari ed è stato preso in concessione dal Comune di Bologna in seguito alle indicazioni ed alla mobilitazione dei cittadini dell'allora Quartiere Santa Viola. E' necessario sottolineare che la concessione avvenne alle condizioni e allo stato in cui l'area si trovava negli anni 1975/1976. L'area era una profonda voragine di 9-12 metri e sulla medesima, in precedenza, era stato concesso a una impresa privata, dall’ 'Ente proprietario del terreno, la licenza di scavo-sbancamento per il recupero di ghiaia, materiale sabbioso e derivati.

L'Amministrazione Comunale provvide al parziale riempimento, tramite lo scarico pubblico, di un'area necessaria alla costruzione di quattro campi scoperti per il gioco del tennis con relativa palazzina servizi (spogliatoi, servizi igienici e piccolo vano per le attività logistiche). Questi impianti, costruiti dall’Amministrazione Comunale furono affidati in gestione alla Polisportiva Pontelungo tramite concessione. Il Centro Sportivo è quindi nato e vive grazie alla volontà dell’Amministrazione Comunale e del Quartiere Reno che ha stipulato una convenzione con la Polisportiva Pontelungo , con il contributo diretto dei cittadini alla gestione dell'intera struttura. Nel 1976 inizia quindi l'attività della Polisportiva Pontelungo nel Centro Sportivo, con l'intento di realizzare non solo un luogo di sport ma anche un punto d’incontro, dello "stare insieme", pensando in particolare all'attività sportiva per le nuove generazioni ed al parco attrezzato per gli adulti e i giovani. Nel 1976 un Centro Sportivo nel Quartiere S. Viola, significava una molteplicità di usi e di obiettivi quali: un luogo di libera associazione e d’incontro in un Quartiere per tanti aspetti carente di strutture aperte al pubblico e non limitate al solo uso privatistico. Significava la partecipazione dei cittadini, alla gestione diretta dei servizi sportivi e sociali con la presenza del Quartiere, come istituzione decentrata viva e vitale; significava la condizione migliore per un'attività sportiva non di agonismo esasperato, ma di libera espressione sia individuale che collettiva; significava inoltre una concreta rivalutazione del rapporto dello sport con la scuola, i ragazzi e i giovani.

Non esisterebbe il presente senza il passato, che ha visto impegnati nella fondazione del Centro alcune persone che noi desideriamo {ricordare e ringraziare:

GARGANELLI ADRIANO, GENOVESI ERMANNO, NEGRINI SERGIO E RENATO GARULLI

Queste persone, hanno diretto e coadiuvato tanti volontari, che hanno cooperato per la costruzione di quanto ci circonda. Onde evitare di dimenticare qualche nominativo preferisco non fare un elenco che potrebbe far torto a qualcuno, ma dare virtualmente a tutti Loro, una stretta di mano e dirgli: GRAZIE a nome mio e dei cittadini.

A proposito di:

GARGANELLI ADRIANO: è stato il fondatore del settore tennis e del Centro sportivo.

Non erano tempi facili, ma con impegno costante, dedicando tutto il Suo tempo libero,è riuscito a realizzare un Suo pensiero che aveva come obiettivo uno spazio non solo dedicato allo sport, ma che fosse anche un luogo d'incontro per i cittadini.

GENOVESI ERMANNO: purtroppo non c'è più, ma è stato il fondatore del settore bocce. Per anni ha dovuto combattere, perché si potesse realizzare questa struttura impegnandosi e sostenendo che era necessario costruire un angolo per gli amanti delle bocce. Anche se a volte le idee, fra il fondatore del tennis e quello delle bocce non erano in sintonia, hanno sempre saputo superare le divergenze collaborando per il raggiungimento dello stesso obiettivo: lo sviluppo del Centro. NEGRINI SERGIO: purtroppo non c'è più, ma non possiamo dimenticarlo per il sostegno morale, materiale e tecnico che ci ha dato relativamente ai progetti delle costruzioni.

GARULLI RENATO anche Lui è venuto a mancare. Il Suo compito era di tenere i rapporti con le Istituzioni per la concessione dei permessi e quant'altro fosse necessario al disbrigo delle pratiche amministrative.

La nostra storia

La Polisportiva Pontelungo ha gestito gli impianti dal 1976 ad oggi e quindi per 30 anni, nello spirito di quanto stabilito dalla convenzione con il Comune di Bologna, in un crescendo continuo di complessità e difficoltà gestionale, per il grande sviluppo avuto nel Centro Sportivo. Gli avanzi di gestione conseguiti attraverso il lavoro gratuito dei soci sono stati sempre impiegati per completare ed ingrandire il Centro Sportivo, non solo strutture sportive, ma verde ed assetto ambientale del parco.

Numerosi gli interventi effettuati nei vari anni nel Centro Sportivo di Via Agucchi, che oggi costituiscono un patrimonio impiantistico, fiore all'occhiello per il Quartiere:

1976

Inizia la gestione del Centro Sportivo costituito da n. 4 campi da tennis e relativi spogliatoi.

1977/78

sistemazione a verde della zona posteriore agli spogliatoi del gioco da tennis fino al parcheggio; sistemazione a verde della zona fra i campi da tennis 1 e 2 e Via Agucchi;

sistemazione a verde della zona fra i campi da tennis 1 e 2 e i futuri campi da bocce;

esecuzione dei vialetti di accesso con impianti di fognatura e di illuminazione;

riempimento e spianatura dell'area circostante.

1979

costruzione di altri due campi da tennis in terra rossa (n. 5 e 6) completi di illuminazione, strade di accesso e fognature;

acquisto di coperture smontabili , caldaia, cisterna, generatore per i campi da tennis n. 5 e 6.

1980

Per dare inizio all'attività della Bocciofila Pontelungo vengono costruiti quattro campi da bocce con relativo impianto di illuminazione, i percorsi di accesso e la sistemazione della zona a verde circostante.

Con l'inizio dell'attività del Longbridge Baseball viene costruito il campo da baseball completo di recinzione e strutture indispensabili per l'attività quali la sistemazione a verde, i percorsi di accesso e le fognature a corredo del campo di gioco, escluso gli spogliatoi.

1981

A seguito di un accordo con l'Amministrazione Comunale, che ha provveduto alla fornitura di un certo numero piante a condizione che la sistemazione fosse a cura della Poli sportiva Pontelungo, una decina di volontari ha provveduto all'interramento delle piante;

Viene costruita una strada parallela ai campi da bocce e una strada fra i campi da tennis ed il campo da baseball, inoltre sono stati costruiti dei vialetti interni.

1982

Costruzione della strada parallela ai campi da bocce da Via Agucchi alla futura scuola. Costruzione della palazzina in prefabbricato per i servizi alle bocce.

1983

Costruzione della palazzina a due piani per il Centro Sportivo, dotata al piano alto di uffici, servizi. sala riunioni e al piano terra il ripostiglio attrezzi per la manutenzione.

Rifacimento ed ampliamento spogliatoi del tennis, con costruzione di piccola sala "bar-ritrovo". Installazione copertura fissa del campo da tennis n° 1 con tutte le strutture di supporto interne. Sistemazione di zona coperta con tettoia a fianco degli spogliatoi del tennis.

Inizio dei lavori relativi alla sistemazione del verde della zona compresa tra la palazzina di Via Agucchi e il gioco delle bocce.

1984

Continuazione dei lavori relativi alla zona verde sopracitata, definita "area culturale", (zona compresa fra il parco ragazzi, le bocce e Via Agucchi) con relativo impianto di illuminazione, allacciamenti elettrici, piccola pista con palchetto e fognature.

Sistemazione della zona situata dietro gli spogliatoi del tennis alfine di creare un punto di ritrovo serale per soci e frequentatori.

Costruzione parco giochi per ragazzi con laghetto e ampie strutture di svago ( dondolo, passaggi, scivolo ecc.)

Costruzione del recinto animali con stalle ed abbeveratoi in muratura e sistemazione a verde della zona circostante.

Inizio lavori per la realizzazione degli spogliatoi per il gioco del baseball (costi a carico del Comune di Bologna).

1985

Completamento dei lavori relativi all’ “area culturale”.

Ampliamento del campo da baseball per renderlo idoneo e regolamentare in previsione del campionato nazionale di serie B.

Installazione copertura fissa per il campo da tennis n° 2 con montaggio delle strutture di supporto; Ultimazione della costruzione spogliatoi del baseball (costi a carico del Comune di Bologna).

1986

Costruzione della palazzina della bocciofila

Costruzione del parcheggio per accedere al Circolo Tennis.

Sistemazione strade, verde, fognature e parcheggi nella zona ubicata fra gli spogliatoi del baseball e l'ingresso al campo stesso.

Sistemazione dell' accesso al Centro Sportivo per limitare l'entrata ai motorini, alfine di garantire l'incolumità ai frequentatori.

Viene costruito il campo da calcio per dare inizio all'attività della Società Porta Stiera con relativo spianamento dell' area, drenaggi, ecc.

Costruzione degli spogliatoi per i ragazzi che praticano il gioco del calcio al piano inferiore della palazzina del Centro Sportivo;

Sistemazione della zona feste con impianti di illuminazione, fognature, impianti elettrici, ecc ...

1987/88

Completamento dei lavori per la costruzione del campo da calcio e degli spogliatoi del baseball. Rifacimento degli spogliatoi per il gioco del tennis.

1989/90

Acquisto di n. 2 coperture smontabili per i campi da tennis n. 3 e 4; Costruzione del campo da tennis n. 7

1991

Costruzione dell' impianto di copertura dei campi della bocciofila

Realizzazione dell' impianto a gas metano per tutto il Centro Sportivo in sostituzione dell'impianto a gasolio.

Sostituzione dei palloni dei campi da tennis n. 5 e 6. Costruzione dell'impianto di illuminazione del campo da calcio.

1992

Ristrutturazione della sala reception della palazzina tennis con rinnovo dell'arredo del bar. Sistemazione area esterna adiacente la palazzina del tennis con: tettoia, pavimentazione, staccionata, verde.

Costruzione di un magazzino in muratura per il deposito degli attrezzi.

1993

Esecuzione di lavori vari di manutenzione;

Rinnovo dell'impianto di illuminazione per il campo da baseball.

1994

Rifacimento completo del campo da tennis n. 7; Copertura della palazzina delle bocce;

Installazione di chiusure laterali con scorrevoli per i campi da tennis n. 1 e 2 in struttura fissa; Costruzione di un campetto da calcio per ragazzi con porte.

1995

Lavori vari di manutenzione.

1996

Inizio lavori relativi all'ampliamento della palazzina tennis con sala multifunzionale, uffici per il tennis e per la Polisportiva Pontelungo, un magazzino e i servizi igienici;

Installazione di una pensilina in legno con porta biciclette nell' area della bocciofila;

Sistemazione del parco ragazzi con nuovi giochi.

1997

Completamento dei lavori della palazzina del tennis con sala multifunzionale ed uffici.

Sostituzione finestre degli spogliatoi del tennis.

Installazione del gioco dell' elefante nel parco giochi.

Viene montata una recinzione in rete metallica plasticata nel lato prospiciente a via Agucchi con smantellamento di una siepe di arbusti bassi in cattivo stato.

Sostituzione delle cabine di alimentazione per l'illuminazione del campo da calcio (distrutte per vandalismo) ; le nuove strutture vengono costruite in cemento armato con sistemazione all'interno di apparecchiature adeguate alle nuove normative della Legge 46/90.

Controllo e modifica di tutti gli impianti esistenti per gli interventi necessari  previsti dall'adeguamento normativo della Legge 46/90.

1998

Riparazione della recinzione dei campi da tennis con nuovi pali di sostegno alle reti esistenti.

Sistemazione di una area dietro la testata del campo da tennis n. 6 per adibirla a magazzino del Centro Sportivo, con relativa pavimentazione , copertura e cancello.

Riparazione e pulizia delle fogne del viale della bocciofila.

Sostituzione delle tegole rotte sul tetto della bocciofila e pulizia delle grondaie.

Costruzione di una vasca per gli animali.

Pavimentazione di due piazzole adiacenti ai campi da bocce.

Messa a norma degli spogliatoi del tennis e relativa palazzina.

1999

Preso atto del progetto del Comune di Bologna relativamente alla costruzione degli spogliatoi per il gioco del calcio, rinviato in passato per problematiche derivanti dai cavi di alta tensione che passano sopra al Centro Sportivo, viene fatto un intervento per sistemare la zona animali, con l'acquisto di un capanno metallico da adibire a magazzino e fienile, relativo zatterone di sostegno, stalla e pollaio in legno; viene fatta la pulizia e il rinnovo della rete fognaria, viene posato un nuovo albero, viene eseguito un muretto di sostegno e la nuova recinzione ed infine viene costruito un muro di sostegno per il salice esistente.

 

2000

Sostituzione di tutti i lampioni di illuminazione dei vialetti interni al Centro Sportivo.

Sostituzione delle grondaie in rame installate nella palazzina della bocciofila , scomparse a seguito di furto;viene messo a norma tutto l'impianto elettrico esistente.

Sostituzione delle panchine di arredo ubicate lungo i vialetti interni ( divelte o incendiate per atti vandalici).

Sostituzione delle siepi esistenti con piano carrabile in cemento, aiuole e relative piante,

Viene fatta la posa di nuovi cestini per rifiuti.

Sistemazione del riciclo dell' acqua nel laghetto del parco giochi con: pompa, collegamenti elettrici, scavo, tubature, pozzetti, valvola di regolazione spruzzini , valvola di innesto pompa, quadro comandi, botola lucchettabile.

Esecuzione del collegamento elettrico relativo allo spazio animali e recinzione del laghetto.

2001

Valutata la richiesta della Società Edelweiss di migliorare la condizione logistica, si approva il progetto di installare un prefabbricato in legno di stile tirolese con la possibilità di creare all'interno dello stesso spazi per una palestra, uffici e servizi igienici.

Percepito l'interesse e la richiesta da parte di tanti giovani verso l'attività sportiva del calcetto si costruisce un campo da calcetto a cinque nella zona prato confinante con la scuola Zanotti;

Ristrutturazione della palazzina del baseball con ampliamento per l'aggiunta di docce, relativo impianto di riscaldamento, per consentire ai giocatori di calcetto di usufruire di spogliatoi e docce;

Sostituzione del generatore per la funzionalità della copertura dei campi da tennis n. 3 e 4;

Inizio lavori relativi alla costruzione degli spogliatoi del calcio, nel rispetto del progetto ideato e finanziato dal Comune di Bologna.

2002

Nel mese di giugno sono terminati i lavori relativi alla messa a norma di tutto l'impianto elettrico alla costruzione degli spogliatoi del gioco del calcio. L'inaugurazione è avvenuta il21 settembre.

2003

Lavori di manutenzione su tutto il centro

2004

Costruzione di due campi da beach tennis.

2005

interventi di manutenzione agli impianti, interventi alle recinzioni in quanto tagliate da ignoti per
vandalismo,

 

La Polisportiva Pontelungo gestisce da 30 anni ininterrottamente il Centro Sportivo di Via Agucchi.

Nel centro sportivo si praticano le seguenti discipline: il tennis, il beach-tennis, il calcio, il calcetto, il baseball, le bocce, il podismo, l'attività propedeutica allo sci e la pesca.

Tutte le strutture e gli impianti sportivi, le aree verdi e i percorsi pedonali all'interno del Centro Sportivo sono stati realizzati con il lavoro di tantissimi volontari e l'intervento di alcune Ditte relativamente a lavori specialistici.

Il lavoro volontario dei soci dei vari gruppi sportivi è stato importante e continuo, coscienti di realizzare un Centro Sportivo che non esisteva nel Quartiere.

Questa è stata la spinta che ha mosso e stimolato tutta l'attività del volontariato, consapevoli di realizzare un patrimonio pubblico del Quartiere e della Città.

Si può quindi affermare, senza dubbio, che l'indirizzo politico dell' Amministrazione Comunale e la grande, consapevole azione giornaliera del volontariato dei vari gruppi sportivi della Polisportiva Pontelungo ha reso possibile la realizzazione del Centro Sportivo di Via Agucchi. Non è sempre facile descrivere queste cose, ma è innegabile che senza il volontariato il Centro Sportivo non sarebbe mai sorto e questa struttura non avrebbe mai potuto essere utilizzata dalla cittadinanza.

Tutte le strutture sono a disposizione dei cittadini, mentre gli impianti sportivi sono utilizzati per le varie attività promozionali, formative, dilettantistiche e agonistiche. Per quanto concerne il rapporto tra Polisportiva Pontelungo e Amministrazione Comunale è bene ricordare che tutte le spese relative ai lavori per le realizzazioni oggi esistenti (escluso la parte iniziale di 4 campi scoperti per il gioco del tennis, gli spogliatoi del baseball e del calcio), le manutenzioni ordinarie, il volontariato, sono sempre state sostenute dalla Polisportiva Pontelungo nel rispetto della Convenzione.

Dal 1976 la Polisportiva Pontelungo, in forza del volontariato organizzato, ha gestito tutto il Centro Sportivo, provvedendo al completa mento delle opere e delle strutture, quali sono oggi sotto gli occhi di tutti e di cui i cittadini possono usufruire, creando un bene per la collettività. In questa occasione, è di notevole importanza sottolineare ancora, la creazione del parco attrezzato, e il parco per l'infanzia, molto frequentati dalla cittadinanza.

In sintesi le opere e le strutture realizzate nel corso di 30 anni di gestione sono state:

la costruzione del verde attrezzato, piante, siepi, alberature, manti erbosi per una superficie complessiva di circa mq. 30.000;

l'impianto generale di illuminazione degli impianti sportivi e dei percorsi; un parcheggio auto (mq. 1.200 circa);

la costruzione di tutto l'impianto fognario, strade, percorsi, vialetti, cordoli su un'area interna di circa mq. 50.000;

la manutenzione di tutte le strutture;

n. 2 campi da tennis coperti con struttura fissa e riscaldamento; n. 4 campi da tennis con coperture invernali e riscaldamento;

n. 2 campi da beach-tennis;

n. 1 campo da baseball;

n. 1 campo da calcetto;

n. 4 campi per il gioco delle bocce coperti da tettoia in legno con relativa palazzina dotata di bar servizi;

un campo da calcio completo di illuminazione e dotato di spogliatoi; un'area attrezzata per il gioco e passatempo per gli adolescenti; un'area per attività ricreativa con pista rotonda in cemento scoperta; l'ampliamento e la ristrutturazione della palazzina servizi per il tennis; l'impianto generale interno all'area sportiva di acqua e gas;

la palazzina servizi del Centro sportivo;

una palazzina in prefabbricato;

una struttura in legno di tipo tirolese dotata di uffici, palestra e servizi igienici.

L'insieme dell'area presuppone quindi che gli utenti dell'impianto non siano soltanto coloro che praticano le discipline sportive, ma anche e soprattutto i cittadini del Quartiere e della città, uomini e donne, giovani ragazzi ed anziani nei momenti di tempo libero, di riposo e di svago.

Nel Giugno 2003 la Giunta Guazzaloca ha dedicato in memoria ad Orlando Sirola, grande tennista, il parco interno del Centro

Sono molteplici le attività svolte nel corso di questi anni anche sul piano culturale, sociale e ricreativo:

mostre di quadri del pittore Riccardo Chiesi detto CHICCHI; lezioni sull'entrata in vigore dell'Euro, Rei Franco Felicani;

relazione sui simboli del cristianesimo. La cattedrale gotica, un libro di pietra, Rel. Roberto Bertocchi;

relazione sulla divisione del tempo nella storia, Rel. Roberto Bertocchi relazione" I templari fra storia e mito", Rel. Roberto Bertocchi relazione dedicata al Botticelli; Rel. Roberto Bertocchi

relazione: La questione medio - orientale, storia ed evoluzione futura,

Rel. Maurizio Maccaferri;

serate musicali con: Carpani, Sisèn, Passerini, Gigèn, i grandi della fisarmonica di Radio san Luchino, I Plettoriani, l'operetta del Gruppo Tiziano Tomassone; alle serate di cabaret con: Pizzocchi, Giacobazzi, Samuel, ecc.

i Tornei organizzati a scopo di beneficenza i cui incassi sono stati devoluti: all' ANT, all' AGEOP, ALLA CASA DEI RISVEGLI, all'UILDM e all'adozione a distanza di tre bambini del Tibet.

le tradizionali feste: vigilia di natale, ultimo dell'anno, festa della donna festa dei dolci, festa di carnevale, festa di Halloween

feste dedicate ai bambini dei corsi SAT organizzate dalla Maestra Patrizia Bettini;

la tradizionale Castagnata in collaborazione con il Quartiere Reno; torneo di briscola, organizzato dal Gruppo Paganini;

torneo di pinnacolo;

torneo degli scacchi;

torneo di ottocento;

ed infine i due pranzi tradizionali che ogni anno vengono offerti agli anziani del Quartiere che si trovano in condizioni disagiate.

Al fine di gestire nel modo migliore tutto il Centro Sportivo, nella sua complessità di impianti, di attività sportive e di servizi, la Polisportiva Pontelungo si è data una propria organizzazione che di seguito presentiamo.

TENNIS PONTELUNGO

L'esplosione del Tennis quale sport di massa negli anni '70 è stata di stimolo alla nascita del Circolo tennis nel 1976 .

Tra gli obiettivi principali del Circolo, come citato dall'articolo 3.D dello Statuto, si deve ricordare la "conduzione di una scuola di addestramento al tennis (SAT) regolarmente autorizzata". A tale proposito si precisa che la scuola SA T ha raggiunto anche una partecipazione di 150 bambini.

In un periodo quale quello degli anni '70 caratterizzato dall'esplosione delle droghe pesanti il Circolo Tennis avvalendosi dello slogan "Lo sport per la vita, contro la droga" ha sempre offerto ai giovani una sana e costruttiva alternativa alla strada, alla solitudine, al bar, promuovendo all'interno dei corsi momenti di aggregazione e socializzazione con i Maestri coinvolgendo le famiglie in prima persona.

Il Circolo tennis ha rappresentato e rappresenta un punto di riferimento importante per i cittadini del Quartiere Reno amanti del Tennis, costituendo una piacevole e sana alternativa al tempo libero.

Fin dalla sua nascita il Circolo tennis, parte essenziale della Poli sportiva in quanto a partecipazione di soci e frequentatori , si è dimostrato ricco di grande fermento e carica agonistica dei praticanti i quali hanno ben presto sentito l'esigenza di non limitarsi al gareggiare fra di loro, ma di misurarsi e conoscere altre realtà sportive.

Ben presto quindi si sono formate squadre composte dai soci più validi e smaliziati, che hanno poco alla volta intrapreso un iter agonistico sempre più intenso, dapprima rappresentato da tornei cittadini e minori, quindi da tornei a carattere provinciale, regionale e nazionale organizzati dalla Federazione Tennis e dalla UISP.

In seguito, nel periodo compreso fra gli anni ottanta e novanta, entrarono in poli sportiva e specificamente nel gruppo tennis nuovi e numerosi soci e frequentatori, appassionati ed agonisti di grande esperienza e motivazione provenienti da altre sedi, che indussero una nuova positiva impronta alla globale gestione tennis ed agli scopi ed obiettivi del gruppo agonistico.

Furono così adottate nuove strategie gestionali e di conseguimento dei risultati, ci si mosse nell'intento di ottenere squadre sempre più competitive e motivate e si cominciarono ad adottare tecniche di allenamento intensivo e mirato al miglioramento tecnico e psicologico.

I risultati, spesso assai prestigiosi, non si fecero attendere. Gli anni novanta infatti portarono i frutti dei nuovi metodi e del nuovo modo di interpretare l'attività agonistica. A questo si aggiunse poi un pizzico di fortuna. In quel periodo il vivaio del circolo produsse anche alcuni giocatori di talento.

Le vittorie di cui il nostro circolo può fregiarsi sono essenzialmente arrivate da tre compagini: squadra femminile ne (non classificati), squadra veterani ne, squadra maschile ne.

Concludendo, siamo veramente orgogliosi di aver potuto conseguire:

- due campionati italiani (1991) con la squadra femminile

- cinque campionati regionali (1996-97-98-99-2000) con la squadra veterani

- un campionato italiano (1999) con la squadra veterani

- un campionato regionale (1999) con la squadra A di Coppa Italia

- un campionato italiano (1999) con la squadra A di Coppa Italia

- tre campionati italiani di doppio veterani (1995-96-97)

- cinque tornei FIT "all tennis stars" (1995-96-97-2001-02)

-trofeo città di Bologna ( 2005)

- torneo UISP ( 2006)

Il Tennis comunque, ha il potere di coinvolgere tutti gli amanti di questo sport, di tutte le età con diverse iniziative, fissate a seconda dei Gruppi che praticano la vita del Centro tipo:

Il GRUPPO LEO TIM appuntamento al sabato e domenica mattina dalle 9 alle 13;

GRUPPO INPS (tutti pensionati) appuntamento al mercoledì mattina;

GRUPPO P AGANINI appuntamento fissato al venerdì sera dalle 20 alle 24;

GRUPPO CIOCCAPIATTI; tutti questi Gruppi giocano sfidandosi fino all'ultimo 15, per dimostrare tutte le capacità tecniche e agonistiche del gioco.

 

 

 PORTA STIERA CALCIO

La società Porta Stiera è nata nel 1960 concependo l'agonistica praticata in forma collettiva propedeutica all'etica e proponendo lo sport come strumento pedagogico. L'obiettivo della societàè stato da sempre promuovere il calcio come strumento di aggregazione, di valorizzazione dell'amicizia, del rispetto dell'avversario, di crescita dello spirito di squadra e di partecipazione come successo in se , non necessariamente legato alla vittoria in senso stretto e allontanandosi pertanto da una mera concezione di esaltazione delle capacità atletiche individuali.

La società ha sempre cercato di conciliare due elementi fondamentali : la valorizzazione delle predisposizioni e capacità individuali e l'educazione ed il rispetto delle regole.

L'adolescenza è senza dubbio quella più critica nella formazione della crescita della persona e l'esperienza della società testimonia che lo sport incide sensibilmente sul carattere dei giovani innescando processi di mutamenti comportamentali.

Lo sport funge da ulteriore agenzia di socializzazione , anche se secondaria, alla famiglia.

La società Porta Stiera svolge la sua attività nell'ambito calcistico nel settore giovanile e in quello dilettantistico.

La società è iscritta alla Federazione Italiana Gioco Calcio , al campionato di prima categoria settore dilettanti e nel settore giovanile con juniores e giovanissimi esordienti ; inoltre è stata programmata una scuola calcio per i nati nel 1992/1993/1994.

 

LONGBRIDGE CUS BOLOGNA BASEBALL

Il CUS Bologna sezione Baseball nasce nel 1999. Dopo alcuni anni di collaborazione fra CUSB e Federazione Baseball locale, nel ricercare atleti universitari di baseball dell' Ateneo per squadre che rappresentassero la nostra regione, si formalizzò tale esperienza avviando questa nuova sezione. Il baseball è una disciplina universitaria per antonomasia, negli obiettivi dei fondatori vi era anche la volontà di promulgare questo sport fra gli studenti.

Il CUS rileva il campo del "Longbridge" in via Agucchi, continuando così la tradizione, di quasi cinquant'anni, che vede avvicendarsi nuove generazioni di amanti del baseball.

Ora il Cus Bologna-Longbridge Baseball è una realtà consolidata, l'attività in questi anni SIè canalizzata in cinque direzioni.

1. La squadra Seniores. Si tratta di un vero e proprio biglietto da visita per il mondo federale: si è cercato di potenziare sia il parco atleti, sia la condizione fisica tecnica, programmando una preparazione atletica costante e metodologica. in modo da giungere agli appuntamenti sportivi Federali in calendario con la migliore condizione possibile.

2. Impegno nella promozione giovanile. La sezione dopo un primo approccio nel 2000 con il progetto minibaseball rivolto ai bambini a solo scopo ludico, ha poi deciso nei due anni a seguire di iscrivere al campionato categoria Ragazzi prima, e alla categoria Allievi poi, la prima squadra giovanile della sua pur breve storia. Grande soddisfazione fra tutti i dirigenti nel concretizzarsi di uno dei desideri più sentiti: dare avvio alle leve giovanili che potranno, col tempo, da un lato soddisfare le esigenze di vivaio che una società decisa a crescere richiede, dall'altro offrire una risposta in ambito sociale alla necessità di fare crescere i "nostri" ragazzi in un ambiente sano e stimolante.

3. Organizzazione Tornei ed Eventi. La sezione si adopera, da sola o con altre società attive, nell'intento di organizzare o promuovere tornei di vario livello e per varie categorie di giocatori. Negli ultimi due anni abbiamo organizzato per la categoria Seniores, il II Gran Premio Universitario, riservato alle sezioni agonistiche dei CUS e per la categoria Ragazzi la Winter League, con fase provinciale e finalissima nazionale. Riteniamo che l'impegno nostro in queste manifestazioni sia importante sia ai fini promozionali sia ai fini d'immagine e visibilità.

4. Promozione e corsi. Sono stati effettuati sforzi straordinari, sia economici che umani, al fine di promuovere la disciplina nelle scuole. Abbiamo aperto una collaborazione con una scuola elementare del quartiere ove tutte le settimane un nostro tecnico si reca ad insegnare e a fare divertire gli scolari con il baseball: il risultato è stato ottimo: il baseball è divenuto di fatto lo sport preferito nella scuola. Altri interventi in altre scuole sono ai nastri di partenza, frenati solo dai lacci burocratici che ancora vincolano maestri ed istituti. Sul fronte dei corsi, di avvicinamento al baseball e al softball per neofiti, finalmente siamo riusciti a varare il primo corso: abbiamo radunato un piccolo numero di studenti insegnando loro i primi rudimenti assieme ad una nostra istruttrice. Contiamo di riproporre l'esperienza 2 volte all'anno: in primavera ed autunno.

5. Solidarietà. Sul nostro campo ospitiamo il l° Torneo di Softball della comunità filippina. Respinti da tutti gli altri campi della provincia, con motivazioni diverse, abbiamo dato piena disponibilità e accoglienza a queste persone centrando contemporaneamente due obbiettivi: offrirgli la possibilità di divertirsi e giocare e facilitare ancora di più l'integrazione, non limitandoci ad affittare loro il campo, ma chiedendo e ottenendo partecipazione nella gestione.

Per il 2003 abbiamo diverse aspettative, sia sportive che societarie. Contiamo di fare un campionato ai vertici nel nostro girone per la serie "C" seniores, iscriveremo i nostri ragazzi alla categoria cadetti e se continueranno ad arrivare giovani leve dalle scuole potremmo anche iscrivere una seconda squadra giovanile. In embrione abbiamo la possibilità di organizzare un nuovo torneo per Ragazzi a fine giugno e ancora a fine anno l'oramai consolidata Winter League. Inoltre sono in previsione nuove collaborazioni con le scuole per il prossimo anno scolastico confermando la nostra apertura e disponibilità a proposte di ogni tipo e da ogni dove per ampliare il nostro orizzonte sportivo.

 

EDELWEISS 1957 asd (sci alpino)

Fondata da alcuni amici appassionati della montagna nel 1953, è entrata ufficialmente nella grande "famiglia" della F.I.S.I. 1'11 dicembre 1957.

La principale attività promossa era organizzare gite domenicali in pullman sulle nevi del nostro Appennino.

Lo sci iniziava a muovere i primi passi, considerando inoltre le primitive attrezzature, i modesti impianti di risalita e le piste scarsamente battute in quanto non esistevano ancora i "gatti". Ben presto però un numero crescente di Soci si iscrisse all'Edelweiss attratto e incuriosito da questo

L'Edelweiss annovera anche un passato ricco di soddisfazioni in campo sportivo: a partire dal 1977 con vittorie individuali e a squadre nello scenario regionale dei G/S, nel 1996, 1997, 1998, 1999 prima squadra bolognese classificata nel Campionato Provinciale di Sci alpino, 1999: va classificata fra tutte le società dell'Emilia-Romagna al Trofeo Giacomo Baranzoni. Infine occorre menzionare i recenti successi della squadra agonistica che hanno consacrato la società ai primi posti a livello regionale.

Dal 1998 l'Edelweiss ha adottato un programma di attività articolato in tre calendari:

  • il primo destinato ai numerosi iscritti, studiato per favorire l'inserimento di nuovi elementi nella squadra agonistica;
  • il secondo pensato per le categorie baby, cuccioli e ragazzi del primo anno,
  • il terzo, più impegnativo, mirante a soddisfare e conciliare le aspettative di aspiranti, allievi e

ragazzi del secondo anno.

Le attività principali introdotte dal 1998 sono state le seguenti:

  • calendari differenziati per tre gruppi;
  • allenamenti personalizzati (opzionali);
  • attività collaterali al training ludico;
  • materiale in uso gratuito per i nuovi ragazzi.

E' opportuno inoltre menzionare tra le attività consolidate: il corso di avviamento allo sci per mascotte dai piccolissimi ai più grandicelli (dai 5 ai 7 anni) che tutti gli anni viene tenuto a Sestola da gennaio a marzo ogni sabato mattina.

Nell'ambito cittadino l'Edelweiss vanta la maggiore anzianità tra le società che si sono occupate dello sviluppo e promozione dello sci

 

PODISTICA PONTELUNGO

La Pontelungo Podismo inizia la propria attività sportiva fin dalla "Galaverna" del 1972 con una decina di partecipanti. A quei tempi le gare podistiche non erano tanto frequenti ed una delle piùimportanti era il "Giro delle mura della città di Bologna". Fu costituito già dai primi anni settanta un "Comitato di coordinamento podistico per la Provincia di Bologna" con lo scopo di seguire ed organizzare i vari gruppi che si andavano formando visto il numero crescente di partecipanti alle varie gare podistiche che si disputavano nel comprensorio bolognese. La Podistica Pontelungo fin da allora si distinse come uno dei gruppi più numerosi iniziando a conquistare primati sia come numero di partecipanti che come punteggio a squadre.

Il gruppo si è allargato sempre di più ed attualmente si contano ben 260 iscritti dei quali 140 sono tesserati alla Federazione Italiana di Atletica leggera, abilitati cioè anche alle gare agonistiche .. Anche in campo agonistico la Pontelungo si distingue in quanto nelle manifestazioni competitive Anche in campo agonistico la Pontelungo si distingue in quanto nelle manifestazioni competitive, oltre a piazzare tanti atleti nelle prime posizioni (che determina la classifica a squadre) ottiene anche primati assoluti o di categorie con i propri componenti andando così a determinare la prima o seconda posizione a livello di classifica a squadre.

Nel corso dell'anno si partecipa al Campionato di corsa su strada ed al Campionato di corsa campestre dove negli ultimi anni più volte è stato vinto questo prestigioso titolo provinciale.

Tra i tanti trofei conquistati dalla Pontelungo vanno annoverati negli anni '70-'80 molte vittorie nella staffetta 24 per 1 ora organizzata ad Ozzano e più recentemente negli anni 1990-2000, altre vittorie sono state conseguite anche nella competizione svolta al Cavina di Porgo Panigale 12 per 1 ora.

Proprio nell'anno corrente un nostro atleta nella gare appena citata ha percorso nell' ora a sua disposizione Km. 17,852 compiendo la maggior distanza tra tutti i 240 partecipanti.

Dal 1976 viene organizzata la rinomata camminata sul Reno che con i suoi 2.500 partecipantiè considerata una tra le più prestigio se camminate di tutto il calendario provinciale.

Si organizzano periodicamente inoltre varie gite turistiche-sportive per i soci simpatizzanti in diverse regioni, per consentire agli interessati di conoscere gli aspetti turistici e di frequentare le realtà podistiche di altre parti d'Italia. A questo proposito è bene sottolineare che i prestigiosi colori nero-verdi hanno più volte espatriato in quanto i nostri atleti hanno partecipato a maratone internazionali quali: Parigi, Londra, New York, Boston, Montreal e infine alla maratona nel Sahara.

 

BOCCIOFILA PONTELUNGO

La Bocciofila nasce nel 1980 grazie al lavoro di volontari che misero a disposizione le proprie energie al fine di costruire quattro campi da bocce. Successivamente da parte del Quartiere fu dato in donazione un container come deposito del materiale della bocciofila. Si poteva giocare solo quando era bel tempo, in quanto i campi erano scoperti.

Nel corso degli anni, al fine di raccogliere finanziamenti, per poter sviluppare la struttura, sono state sono organizzate gare tra soci e simpatizzanti, cene all' aperto e serate musicali.

La prima pietra a "mosaico"fu posata dal Maestro Muzzarelli, infatti solo nel 1986 fu realizzata la struttura relativa alla palazzina del bar e ristorante.

La copertura dei campi avvenne nel 1991, anche questa con l'impegno di tanti volontari che dedicarono tempo ed energie alla realizzazione della copertura.

La bocciofila ha promosso tornei estivi, attività sociali e ricreative attraverso:

cene, pranzi per anziani indigenti; tre pomeriggi alla settimana e la domenica fa le crescentine;, inoltre organizza serate musicali e spettacoli di varietà.

La bocciofila si è anche impegnata in attività sociali offrendo i campi da bocce durante il periodo estivo a gruppi di bambini iscritti ai campi solari.

Da due anni in occasione della festa del Centro, la Bocciofila in accordo con il Progresso di Castel Maggiore organizza un torneo di bocce giocato solo da donne dedicato in memoria a "Irma Bandiera"

 

CALCETTO

Nel 2004 si costituisce l'Associazione Sportiva Dilettantistica "Pontelungo Real Campi" che darà vita al calcetto. Questo gruppo amante del gioco del calcetto, organizza tornei e partecipa ai vari tornei di calcio a 7 organizzati dall 'UISP.

 

 

SOCIETA' CANNISTI "AGUCCHI PONTELUNGO"

La Società Agucchi è nata da un gruppo di amici nel 1948. Nel 1953 si è iscritta alla FIPS, attualmente FIPSAS. Fondata nel dopoguerra, seppe distinguersi per l'impegno e l'attività promossa, motivo questo per essere premiata dalla FIPS. (CONI). Il loro Presidente è Bruno Girotti. La loro sede è stata per anni presso il Centro Sportivo Agucchi, successivamente per motivi di fusione si è trasferita in via d Giglio. Una delle più prestigio se gare di pesca organizzata da questi Soci, è la celebre" GARA DELL'UNITA'," con un numero di più di mille iscritti. Tutt'oggi le adesioni a questa gara superano le cinquecento. Nel 1961 la Società Agucchi vinse la COPPA D'ORO trofeo degno di grandi campioni. Il loro impegno non è limitato solo all'attività sportiva ma promuove anche iniziative di carattere sociale organizzando gite per i familiari, amici, aggregati.

A fine anno, terminata l'attività agonistica ed amatoriale organizza la cena Sociale con premiazione a coloro che si sono distinti. Quattro anni fa, nel 1998, fra la Società Cannisti Agucchi e la Società Pontelungo (altra Società di pescatori) con sede in via del Giglio, avvenne la fusione trasformandosi nella Società Agucchi Pontelungo. Tale fusione fu dettata alfine di ottenere un numero più elevato di Soci e per poter partecipare con più squadre ai campionati di un certo livello. Si contano innumerevoli vittorie sui campi di gara della Regione, merito dell'attività e l'impegno dei tanti Soci che desiderano tenere alto il nome della "PONTELUNGO AGUCCHI".

GRUPPO MINERALOGISTI

Il gruppo mineralogisti è stato fondato da Sergio Bonazzi nell'anno '78.

Grazie alla sua grande passione e conoscenza culturale, seppe trasmettere ad altri hobby coinvolgendoli e diventando anche essi amanti della ricerca dei minerali. Tra le prime spedizioni mirate ad esplorare calanche e fiumi si possono ricordare quelle all'Isola d'Elba, a Rio Marina, che per la sua grande abbondanza di minerali e di rocce delle specie più varie può essere considerata a buon diritto un vero e proprio museo naturale di mineralogia. In questo zona sono stati reperiti campioni di pirite, cristalli di quarzo, ematite lamellare.

In un'altra importante spedizione, in frazione di Alessandria, nel letto del torrente Orba setacciando le sabbie nere furono trovate delle pagliuzze d'oro.

All'interno della palazzina del Centro Sportivo è allestita una vetrina con numerosi minerali provvisti di targhetta identificativa. Tali minerali sono il frutto di esplorazioni del gruppo di appassionati mineralogisti.

Fra i pezzi raccolti più pregiati si possono menzionare: Septoria, Quarzi a tramoggia su matrice di Porretta Terme, Piriti del Bolognese, Quarzi del Monte Serra in Provincia di Pisa, Quarzo nero Castelluccio per un totale di circa 100 pezzi.

Il gruppo amatori dispone di un microscopio funzionante con il quale si può vedere la preziosità della pietra.

Durante l'anno gruppi di scolaresche vengono a visitare la nostra piccola mostra con l'assistenza di un esperto nella materia.